Dettagli Recensione

 
Bravo Alimathà
Villaggi turistici alle Maldive
Voto medio 
 
3.6
Struttura  
 
4.0
Mare e spiaggia  
 
4.0
Animazione  
 
4.0
Cucina  
 
2.0
Pulizia 
 
4.0

Una scelta comoda

Può sembrare fantozziano dare un voto positivo all'italianità ma, per chi non ha voglia di inserirsi nei ritmi e nelle abitudini di un resort internazionale, questo è forse la scelta migliore.
Pecca nella cucina (staff maldiviano tranne il capocuoco): per tredici pranzi e cene su quattordici ci hanno proposto tonnetto. Almeno la parte locale (curry) o "di supporto" (carne arrosto) era buona. Solito show cooking per la pasta, scarse le verdure, frutta monotona. Non si fa la fame (anzi), ma un poco di varietà e impegno in più sarebbero graditi.
Struttura chiaramente vecchiotta, ma rinnovata in ampie parti e molto ben tenuta. Personale gentile tranne la famigerata rappresentante Alpitour, esperto quello del Diving Center.
Spettacolare l'escursione al reef di Dhiggiri, per chi non si immerge è un'occasione di vedere tanti, tanti pesci, dal palla ai carangidi, dagli squali all'istrice...
Infine, meditate sull'acquisto del volo in idro, invece che farsi un'ora e mezza di barca... è un bell'inizio ed un'ottima conclusione.

Punto di forza
L'italianità: i villaggi gestiti in esclusiva sono pochissimi.
La vicinanza a Malé: non obbliga a prendere l'idrovolante.
Animazione di ottime capacità artistiche.
Punto debole
Gli overwater, costruiti nella zona meno bella dell'isola sono un pugno nell'occhio e fermano il ricambio di acqua nella zona di accesso.
La cucina, ripetitiva anche nella materia prima.
Escursioni consigliate
Snorkeling, soprattutto a Dhiggiri.
Note sul volo
Neos, il meno peggio tra i charter italiani, accettabile (ma un volo di linea - Qatar, Emirates - chiaramente è su un altro livello).
Consigliato a
  • Coppie
  • Famiglie
Periodo
Giugno 2017
Trovi utile questa opinione? 

Commenti

 
 
Per Ordine 
 
 
 
 

Altri contenuti interessanti su QVillaggi